At-will occupazione e le leggi di terminazione illecito in Alaska

Leggi di terminazione illecito esistono per dare ai datori di lavoro linee guida su ciò che è e non è considerato lecito e solo in termini di recidere i rapporti di lavoro. Al contrario, danno anche ai dipendenti che si sentono ingiustamente licenziati ricorso legale, se giustificato. La maggior parte delle moderne leggi di terminazione illecite si concentra sulla nozione di occupazione a volontà.

At-will Employment in Alaska

Alaska è uno dei tanti stati degli Stati Uniti che osserva un concetto noto come “at-will employment.”I datori di lavoro negli stati di occupazione a volontà sono in grado di licenziare i dipendenti in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo, e anche per nessuna ragione, a condizione che non stiano violando una serie di eccezioni al concetto di occupazione a volontà. Inoltre, i dipendenti dell’Alaska sono legalmente autorizzati a lasciare una posizione in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo, anche se ci sono una serie di importanti eccezioni.

Risoluzione illecita in Alaska

Mentre l’Alaska è uno stato di lavoro a volontà, ci sono una serie di circostanze in cui la nozione non è più valida. Queste eccezioni esistono per impedire ai datori di lavoro di alcuni tipi di dipendenti di approfittare del rapporto. In generale, i datori di lavoro dell’Alaska possono licenziare i dipendenti per qualsiasi motivo, purché non esista un contratto di lavoro esistente, il motivo non è di natura ritorsiva e non viola un diritto protetto (cioè discriminatorio). È fondamentale che i datori di lavoro dell’Alaska vengano a comprendere appieno le leggi di terminazione illecite dell’Alaska per garantire che continuino a rimanere sul lato giusto di loro e non rischiano di essere citati in giudizio dai dipendenti.

Violazione del contratto: Alaska dipendenti che sono attualmente sotto contratti di lavoro non sono disciplinati dalle stesse regole come dipendenti at-will. Lo stato riconosce tre tipi principali di contratti di lavoro: orale, scritto e implicito. Un contratto “implicito” è uno che non può essere di natura formale, ma invece dipende, per esempio, commenti fatti dal datore di lavoro. Se un datore di lavoro dice che tutti i dipendenti hanno sei mesi per arrivare fino a velocità in una posizione e poi termina un dipendente dopo solo due mesi, quel datore di lavoro può essere citato in giudizio per violazione del contratto in un tribunale dell’Alaska. Si prega di notare che la violazione delle linee guida del contratto dell’Alaska si applica anche ai contratti collettivi sindacali.

Discriminazione: i dipendenti negli Stati Uniti sono protetti dal licenziamento per motivi considerati discriminatori. Ad esempio, coloro che impiegano quattro o più lavoratori non possono terminare sulla base dello status di cittadinanza, mentre quelli con 15 o più dipendenti non possono terminare a causa di razza, colore, paese di origine, stato di gravidanza, sesso, religione, disabilità o genetica. Inoltre, quelli con più di 20 dipendenti non possono licenziare o discriminare a causa dell’età. Legge Alaska prende le cose un ulteriore passo avanti. Le leggi antidiscriminazione dello stato si applicano a tutti i datori di lavoro, indipendentemente da quanti impiegano, e rendono anche illegale discriminare in base allo stato genitoriale o civile, a meno che non vi sia una distinzione ragionevole che lo renda necessario. La maggior parte delle cause legali di oggi contro i datori di lavoro sostengono la discriminazione in qualche modo, quindi è particolarmente importante che i datori di lavoro dell’Alaska arrivano a comprendere appieno ciò che è considerato una pratica discriminatoria agli occhi della legge.

Rappresaglia: Le leggi di terminazione illecite dell’Alaska impediscono anche ai datori di lavoro all’interno dello stato di licenziare i dipendenti che affermano i loro diritti protetti. Ad esempio, i dipendenti non possono essere licenziati per aver fischiato condizioni di lavoro ingiuste, non sicure o antigieniche. Inoltre, non possono essere licenziati per essersi rifiutati di commettere crimini per conto dei loro capi.

Politica pubblica: come molti altri stati, l’Alaska osserva ciò che è noto come un’eccezione di “politica pubblica” alla nozione di occupazione a volontà. Fondamentalmente, questo significa che i dipendenti dell’Alaska non possono essere licenziati per ragioni che la società dell’Alaska riconoscerebbe come illegali. Ad esempio, i lavoratori non possono essere licenziati per non aver mentito, rubato o altrimenti impegnarsi in attività criminali per il loro datore di lavoro, perché così facendo contraddirebbe le politiche pubbliche esistenti dell’Alaska.

Disclaimer legale

Il contenuto del nostro sito web ha solo lo scopo di fornire informazioni generali e non è una consulenza legale. Facciamo del nostro meglio per assicurarci che le informazioni siano accurate, ma non possiamo garantirle. Non fare affidamento sul contenuto come consulenza legale. Per assistenza con problemi legali o per una richiesta legale si prega di contattare l’avvocato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.